L'assassino- Il ritorno di Robin Hobb

Scopri i Fantasy della Locanda da Tolkien a Paolini, da Martin alla Troisi, QUI centinaia di recensioni di romanzi che hanno fatto la storia del fantasy

Moderatori: nihal87, demon black

L'assassino- Il ritorno di Robin Hobb

Messaggiodi gio » 12/03/2017, 22:45

E per gli amanti della Hobb e in particolare di Fitz...

Il ritorno!

Immagine

Tom lo Striato vive in pace con la famiglia nella tenuta che ha avuto in dono dalla Corona per gli anni di leale servizio. Ma dietro quella facciata di tranquillo e rispettabile signore di campagna si nasconde un passato turbolento. Perché Tom non è altri che FitzChevalier: discendente bastardo della dinastia dei Lungavista ed ex assassino di corte, che tutti credono morto e sepolto. Per il re si è sporcato le mani di sangue e ha perso ciò che aveva di più caro. Nelle sue stanze conserva ancora una pietra scolpita che ritrae un uomo, un lupo e un giullare. Un tempo, i tre erano amici inseparabili: Fitz, Occhidinotte e il Matto. Ma il secondo è morto da un pezzo e il terzo ha fatto perdere le sue tracce. Fino alla notte in cui una messaggera dalle dita bianche come il ghiaccio bussa alla porta del maniero, per poi sparire nel nulla senza lasciare alcun messaggio - solo una costellazione di stelle di sangue sul pavimento. Chi l'ha mandata, e che ne è stato di lei? È una notte strana, fatta di oscuri presagi e volti sconosciuti che arrivano a turbare una festa d'inverno. È il passato violento che fa irruzione all'improvviso nella pace del presente. E, da allora, niente sarà più come prima. Perché Fitz, per proteggere il suo nuovo mondo e le persone che ama, dovrà decidere se tornare a vestire ancora una volta i vecchi panni dell'assassino.
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23420
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: L'assassino- Il ritorno di Robin Hobb

Messaggiodi gio » 12/03/2017, 22:46

E il secondo volume

Immagine

C'è stato un tempo in cui FitzChevalier e il Matto erano in grado di cambiare il mondo con le loro imprese e garantire la stabilità del Regno dei Lungavista. Quel tempo è finito da un pezzo. Da quando i due amici inseparabili hanno preso strade opposte e Fitz, lasciatosi alle spalle un passato da assassino, si è trasformato in un gentiluomo di campagna, un marito devoto e un padre amorevole. Un uomo che aveva giurato di non uccidere mai più. Finché, dopo anni di silenzio, il Matto ricompare nel Regno dei Sei Ducati. Ferito, sfigurato, irriconoscibile. È riuscito a sfuggire ai suoi aguzzini e ad affrontare un viaggio pieno di difficoltà e pericoli pur di raggiungere il suo amico di sempre e chiedergli un'unica cosa: vendetta. Tornare a uccidere per lui. Distratto dalle condizioni precarie del Matto, che richiedono le sue cure, e coinvolto suo malgrado negli intrighi di corte, Fitz abbassa la guardia. Ed è così, in un solo, orribile istante, che il suo piccolo mondo di pace è sconvolto per sempre: sua figlia, la sua amatissima bambina, viene rapita da predoni misteriosi che vogliono usarla come un'arma in loro pugno. Ma anche FitzChevalier ha qualche arma segreta da sfoderare. Un'antica magia scorre ancora nelle sue vene. E per quanto la sua destrezza di assassino possa essersi appannata negli anni, ci sono abilità che, una volta imparate, non si dimenticano tanto facilmente.
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23420
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: L'assassino- Il ritorno di Robin Hobb

Messaggiodi gio » 12/03/2017, 22:53

Eccomi. Da grande amante della Hobb, ho amato di tutto cuore Fitz Chevalier e sono tornata a leggere di lui con grande gioia. Chi si chiede cosa ancora poteva raccontarci la Hobb del buon Fitz che già aveva avuto una vita molto piena di avventure, resterà sorpreso. Le vicende di Fitz, nell'età matura, hanno ancora il potere di conquistare il lettore...
Ritrovarlo, nelle pagine de Il ritorno è stato come ritrovare qualcuno di conosciuto e amato. All'inizio c'è il piacere di scoprire come se l'è cavata un vecchio amico negli anni in cui ci si è persi di visti, poi la vicenda entra nel vivo...
Lo stesso discorso, in un certo senso, vale per il secondo volume, dove ritroviamo un altro personaggio speciale, ovvero il Matto.

Che ho amato molto del primo libro di questa trilogia è il personaggio di Molly

:
Spoiler:
La sua gravidanza così "strana", la sua convinzione e determinazione, quando nessuno credeva in lei, mi sono piaciute tantissimo. E dopo la nascita, il suo rapporto con la sua bambina speciale mi ha commosso. E' una Molly che suscita affetto ed ammirazione quella di questo libro...


Lo stile della Hobb, la sua capacità di narrare continua ad incantarmi. Quando leggo i suoi libri è come se l'autrice si sedesse con calma, davanti al camino, a raccontarmi una storia. Eventi, personaggi e stati d'animo sono descritti nei particolari, ma senza tediare il lettore (o almeno questa è la mia impressione :) )
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23420
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: L'assassino- Il ritorno di Robin Hobb

Messaggiodi gio » 19/02/2018, 20:33

Mamma mia che finale...
Il terzo volume è partito lento, è rimasto addirittura in stand by sul comodino dopo le prime pagine perché ho letto altro. Diciamo che il ritmo non era incalzante, procedeva piano. Non una lentezza che dava fastidio, eh. Io la Hobb la amo quindi se vuole raccontare tanto, nei dettagli, a me va bene, io la seguo. L'ho lasciata per un po', ma sapevo che presto sarebbe venuto il momento di scoprire cosa stava succedendo ad Ape (non aggiungo dettagli per non fare spoiler). Il momento è arrivato, ho ripreso il libro mi sono addentrata nella lettura e superata la metà non ho più potuto abbandonare... In poche sere sono arrivata al finale che mi ha lasciato... Commossa? Emozionata?
Ho salutato questa trilogia nel cuore della notte, un saluto intenso perché si concludeva non solo l'intera saga dell'assassino, ma anche tutti gli altri volumi della Hobb in cui abbiamo conosciuto i mercanti di Borgomago, i velieri viventi, la giungla delle piogge...
Con questo finale la Hobb ha ripreso tutte le fila dei discorsi iniziati nelle altre saghe, ha riportato in scena tutti i suoi personaggi, protagonisti che avevamo tanto amato in storie diverse, separate. E con una regia impareggiabile ha riunito tutti quanti intrecciando strade e destini.
Confermata la mia ammirazione per questa scrittrice definita non a torto la regina del fantasy...


Spoiler solo per chi ha terminato l'ultimo volume

:
Spoiler:
Fitz muore! Quanto ho pianto! Il cuscino bagnato di lacrime. E' stato davvero come salutare un amico dopo tutte quelle pagine lette... Solo, caspita... il modo! Ma povero Fitz, ok doveva morire, ci stava, ma perché proprio la morte del traditore, la più terribile e dolorosa?
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23420
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: L'assassino- Il ritorno di Robin Hobb

Messaggiodi Il Prenna » 28/02/2018, 18:58

Ero convinto di aver commentato questi libri, forse lo ho fatto nella pagina dei Viandanti :)

Comunque prima del terzo sto leggendo i custodi dei draghi, perché mi è parso di essermi perso un pezzo nel secondo!!
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6139
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: L'assassino- Il ritorno di Robin Hobb

Messaggiodi Il Prenna » 17/06/2018, 14:29

Ho appena iniziato a leggerlo, dopo aver letto i custodi dei draghi, di cui uno in inglese... Vi terrò aggiornati :-P
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6139
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno


Torna a Romanzi e Saghe Fantasy

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 1 ospite

cron