"Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Scopri i Fantasy della Locanda da Tolkien a Paolini, da Martin alla Troisi, QUI centinaia di recensioni di romanzi che hanno fatto la storia del fantasy

Moderatori: nihal87, demon black

"Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi Il Prenna » 04/03/2017, 14:28

1. Il conciliatore.

Immagine


Da ormai trecento anni il regno di Hallandren è governato dagli dèi Ritornati, uomini morti in modo esemplare e tornati a nuova vita dall'aldilà, e dal loro sovrano assoluto, il Re Dio. La vecchia dinastia reale, fuggita durante la Pluriguerra, si è ritirata nell'enclave di Idris, un territorio impervio e montagnoso che però consente loro di controllare i valichi settentrionali. Per ricomporre le differenze e riunificare i due stati, una principessa idrisiana dovrà andare in sposa al Re Dio e generare con lui un erede; ma nella Corte degli Dèi, luogo di intrighi, complotti e sotterfugi, qualcuno sta tramando nell'ombra. Nella cornice della variopinta città di T'Telir, dove colori e Soffio vitale possono donare vita agli oggetti inanimati, un gruppo composito di personaggi, giovani principesse, mercenari esuberanti, divinità svogliate, altezzosi sacerdoti, soldati Senzavita, loschi figuri e spade parlanti, cercheranno di fomentare una guerra... o di sventarla prima che sia troppo tardi.


2. Nightblood (in scrittura, previsto per il 2018 in lingua originale

Immagine di copertina e trama dal sito di Fanucci Editore
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6166
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi Il Prenna » 04/03/2017, 18:12

Questo libro mi ha davvero stregato. L'autore è stato capace una volta ancora di ricostruire un mondo complesso, con le sue regole e i suoi miti, con la sua magia e di popolarlo di personaggi davvero belli, su cui secondo me spicca in maniera incontrastata la figura di Lievecanto L'audace, Ritornato che prende la sua nuova vita di divinità in maniera molto stravagante :)

Stupendi sono anche l'umorismo da mercenari (ci sono alcuni passaggi che ho letto a voce alta per apprezzarli) e Sanguenotte, terribile spada dotata di una personalità per lo meno eccentrica (se non ai limiti della follia).

La magia questa volta si basa sul soffio, l'energia che ogni vivente ha e che può donare agli altri. La vita senza soffio continua, solo un po' meno vivida e con i colori meno accessi... più soffi una persona ha, più recepisce i colori e l'ambiente circostante.

I colori fanno anche da catalizzare per le magie, infatti infondendo uno o più soffi della propria riserva in un oggetto si più animare, a patto di donare un po' di colore, oppure si possono fare delle cose stravaganti :)

Nel mezzo ci sono i ritornati, persone che sono tornate dalla morte con uno scopo (che però hanno dimenticato ritornando al mondo) che hanno un soffio speciale, in grado di sanare ogni tipo di malattia su un essere umano, e che senza un soffio normale alla settimana muoiono.

Nella città di Hallandren vengono adorati come divinità e ci sono file di supplicanti che chiedono ai Ritornati il loro soffio per poter guarire, nel frattempo queste pseudo divinità se la passano alla grande (anche se Lievecanto spesso si annoia...)

I punti di vista di questi libri sono:

- quello delle due sorelle, figlie del legittimo Re di Hallandren, che vive in esilio in una piccola cittadina molto grigia, Siri, la più giovane, cresciuta in piena fase di ribellione, senza uno scopo nella vita, e Vivenna, la maggiore, cresciuta per diventare la sposa del Dio Re, un ritornato che non ha mai respirato una sola volta nella sua vita.

Il re per punire Siri, e per non perdere Vivenna a cui è affezionato manda Siri a sposare il Dio Re e tiene Vivenna con se, scatenando però in quest'ultima la volontà di salvare la sorellina, scappando di casa insieme al suo fidato amico e cercando in città di intessere una rete di intrighi per salvare la sorelle ed evitare una guerra sanguinosa per il suo regno, incappando in diversi personaggi tra cui mercenari con il senso dell'umorismo, viandanti mal vestiti con un passato oscuro e spade parlanti.

Siri dal canto suo si ritrova catapultata in un mondo molto strano, costretta a sposare il Dio Re, con il suo alone di potere e mistero, e di far scandire la sua vita dai suoi sacerdoti e scrivani, e come suo solito ribalta le regole e le tradizione dando vita a un bel po' di casino.

- Lievecanto l'audace, dio del coraggio, che cerca in ogni modo di ricordarsi del suo passato e di non annoiarsi troppo, insieme al suo sacerdote Llarimar, detto Svicolo. Lievecanto non crede nella sua natura divina e cerca di convincere di ciò tutti, dal suo clero, ai suoi fedeli, alle altre divinità.
Senza mai prendersi sul serio, gigioneggiando all'interno della Corte degli Dei tra spettacoli in suo onore, Offerte e l'ascolto delle Suppliche dei fedeli, continua a scervellarsi sul perché dopo essere morto è divenuto un Ritornato, rimandato indietro dai Toni Iridescenti per compiere una missione che gli è oscura, di cui riesce a percepirne solamente l'ombra attraverso i suoi sogni.

- Il quarto e ultimo punto di vista, meno corposo degli altri è quello di Vasher, tipo molto cupo e molto strano, che nasconde un passato non proprio normale e si porta dietro una spada nera con un pessimo carattere (la spada, ma anche lui non è proprio da meno)

Questi personaggi e molti altri danno vita a una girandola di eventi e di colpi di scena, di voltagabbana e grandi rivelazioni che Sanderson, con un ritmo in continuo crescendo gioca uno dopo l'altro fino alla fine, fino all'ultimo geniale rimescolamento di carte che porta il libro alla sua conclusione, lasciando però aperta la porta a un seguito (capiamoci la storia ha una fine di per se, ma alcuni personaggi si muovono verso nuove stravaganti avventure).

È uno dei libri fantasy più freschi e divertenti che ho letto negli ultimi tempi e spero che l'autore vorrà continuare a parlare di questa storia :)
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6166
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi Il Prenna » 04/03/2017, 18:23

Da leggere solo a fine libro...

:
Spoiler:
La cosa che più ho apprezzato di questo libro è il continuo toglierti la terra sotto i piedi...

Insieme a Vivenna arrivi a fidarti dei mercenari, credendoli persona rispettabili, e poi in realtà si mostrano per quello che sono, che in effetti hanno sempre mostrato mascherandolo da umorismo, arrivando a uccidere l'amico di infanzia di Vivenna...

Insieme a Siri hai paura di quello che può fare il Dio Re, ma ti accorgi che è soltanto un bambino a cui nessuno ha mai spiegato nulla...

Insieme a Lievecanto ti immagini quali grandi imprese ha fatto nella sua vita passata, per poi scoprire che è stato un umile ragioniere che ha dato la vita per salvare la sua nipotina

Insieme a Vasher ti ammanti delle ombre, passando per il cattivo di turno, per poi scoprire di essere non solo buono (solo un po' scorbutico) ma anche sia il malvagio che l'eroe dell'ultima guerra, racchiusa in una persona sola

Insieme a Sanguenotte ti ritrovi a essere una spada senziente, assurdamente potente che fa disastri ogni volta che viene sguainata, prosciugando tonnellate di Soffi, e con l'unico scopo nella vita di punire i malvagi (con l'unico problema che il metro di misura è il tuo...) e... sei esattamente così...

Gli antagonisti del libro non sono mai quelli che sembrano e l'intrigo si scioglie pian piano fino alla fine, fino all'ultimo rimescolamento...

Mi spiace per la fine di Lievecanto, che si sacrifica per salvare il suo Re e la sua Regina, ma in effetti la storia ha un suo perché :)
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6166
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi gio » 06/03/2017, 19:46

Prenotato ora in biblioteca!
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23506
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi gio » 02/04/2017, 18:15

Bellissimo. Mi è piaciuto proprio.

L'ho finito da pochissimo, quindi scrivo a caldo: il mio preferito è Lievecanto, ma ho amato un po' tutti i personaggi, i buoni e i cattivi. Colpi di scena continui, intrecci ben congegnati.
Ci ho messo un paio di sere ad appassionarmi, ma una volta "partita" l'ho finito velocemente.
Unico neo: ho trovato a volte un po' noiose le pagine con Lievecanto e Tessitrame e i lunghi confronti tra dei-ritornati.
Bella l'evoluzione del personaggio di Vivenna, e bello come il personaggio di Siri servisse proprio così come era per l'evoluzione della storia!

:
Spoiler:
Lievecanto si fa amare per tutta la storia, è simpatico, irriverente, ti ci affezioni. Te lo vedi proprio, povero, ad esempio, quando cerca di liberare Tessitrame convinto di essere un buon combattente e invece non sa proprio usare la spada... Ma il finale, il suo finale, intendo, è veramente EPICO. Mi ha commosso e l'ho trovato davvero "giusto".
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23506
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi gio » 02/04/2017, 18:16

E ora cosa mi consigliate di questo autore?
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23506
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi Il Prenna » 03/04/2017, 21:41

viewtopic.php?f=108&t=5303

Qua ho fatto un quadro completo di quello che ha scritto ed é stato tradotto in italiano.

Secondo me tra tutti apprezzeresti Elantris o il Ritmatista:)
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6166
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi gio » 05/04/2017, 9:52

Il Prenna ha scritto:http://www.terradialtrove.it/public/forum/viewtopic.php?f=108&t=5303

Qua ho fatto un quadro completo di quello che ha scritto ed é stato tradotto in italiano.

Secondo me tra tutti apprezzeresti Elantris o il Ritmatista:)



grazie!!!
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23506
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: "Il conciliatore" di Brandon Sanderson

Messaggiodi Il Prenna » 12/05/2018, 18:39

:
Spoiler:
Sanguenotte é tornato sul mondo della Folgoluce per ora ha fatto la comparsa ma non si sa mai, con un carattere come il suo!
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6166
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno


Torna a Romanzi e Saghe Fantasy

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron