"Millennio di Fuoco" di Randall Cecilia

Scopri i Fantasy della Locanda da Tolkien a Paolini, da Martin alla Troisi, QUI centinaia di recensioni di romanzi che hanno fatto la storia del fantasy

Moderatori: nihal87, demon black

"Millennio di Fuoco" di Randall Cecilia

Messaggiodi Il Prenna » 16/03/2017, 21:42

Duologia composta da:

1. Sejia

Immagine

Baviera 1999 d.C.

Mille anni sono trascorsi da quando il demoniaco popolo vaivar è apparso in Europa, muovendo dalle lande desolate oltre il Volga per reclamare il possesso delle terre abitate dagli umani e cambiare la Storia per sempre.
Da allora una guerra infinita strazia il continente ormai condannato a un eterno medioevo, in cui i regni nati dalle ceneri dell’antico Sacro Impero sopravvivono a fatica tra alleanze precarie, rovesciamenti di fronte ed epidemie. I vaivar avanzano con armate di creature innaturali e spaventose, i manvar: la loro marcia procede inesorabile e sono giunti ormai nel cuore della Baviera.

Seija, giovane coraggiosa e tenace, è l’erede di un’antica stirpe di guerrieri pagani, cacciati dalle terre di Kaleva proprio in seguito all’invasione dei vaivar. Adesso il suo popolo, decimato e nomade, sopravvive offrendo ai cristiani la propria abilità militare in cambio di cibo e di un luogo sicuro in cui piantare le tende.

Seija è pronta alla lotta contro l’esercito vaivar comandato dal più grande nemico degli umani: Raivo, il Traditore dalla Mano Insanguinata, stratega temibile, condottiero spietato e unico uomo a essersi venduto anima e corpo ad Ananta, l’immortale regina dei vaivar, per farsi trasformare in un demone plurisecolare e sterminare quella che una volta era la sua specie.

Ma quando Seija è costretta ad affrontare il Traditore nel pieno della battaglia, il fantasma di un antico segreto cambia per sempre il suo destino.
Perché il condottiero nemico prima esita e poi scatena contro di lei una caccia senza quartiere? Perché ne è così ossessionato da trascurare persino gli obiettivi militari, pur di catturarla? Cosa è accaduto davvero tre secoli fa alla Torre della Strage, il maniero del Traditore, nel giorno in cui Raivo ha rinunciato alla sua umanità?


2 Ravio

Immagine

Baviera, 1999 d.C.

Dopo molte battaglie e peripezie Seija, l’Eroina di Etten, è finalmente riuscita a fuggire dal castello di Raivo, l’umano convertito alla causa dei demoniaci vaivar, che tanta morte e distruzione ha seminato sul suo cammino. Eppure qualcosa in lei è cambiato per sempre. Conosce il motivo per cui Raivo ha voltato le spalle agli umani, accettando di trasformarsi nella creatura che guida gli eserciti dei demoni. Sa che lui, che il mondo adesso teme e chiama “il Traditore”, è stato in realtà il primo a essere stato tradito, secoli prima, il giorno in cui una congiura di palazzo ha sterminato il suo popolo e ucciso la donna che amava. Quella donna identica a lei. Quella donna che lui non ha mai dimenticato. Per questo, adesso che ha perduto le tracce di Seija, è pronto a tutto per ritrovarla.

Seija, nel frattempo, come un animale in gabbia, è tenuta lontana dai campi di battaglia, destinata a sposare il principe Lothar di Svevia e a ricompattare le fila degli umani.

Ma forse le cose non sono come sembrano. Forse sia nell’alto consiglio degli umani sia in quello dei vaivar, agli ordini della terribile regina Ananta, ci sono forze che cospirano di nuovo per il proprio potere personale, indifferenti all’esito della guerra.

Mentre un’attrazione inesorabile come il destino spinge Seija e Raivo alla resa dei conti, tra nemici, amici, traditori, fantasmi del passato e incubi del presente, gli eserciti di uomini e demoni si preparano allo scontro più sanguinoso.

Chi vedrà l’alba del nuovo millennio?


Immagini di copertina e trama dal sito dell'autrice.
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6339
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: "Millennio di Fuoco" di Randall Cecilia

Messaggiodi Il Prenna » 16/03/2017, 21:49

Riporto a questo tavolo una discussione avvenuta al tavolo dei viandanti:

gio ha scritto:C'è qualcuno che ha letto Seija Millennio di fuoco di Cecilia Randall (Randazzo)? Sono due volumi, io li ho letti in questi giorni e mi sono piaciuti tantissimo...


LordYanvas ha scritto:
gio ha scritto:C'è qualcuno che ha letto Seija Millennio di fuoco di Cecilia Randall (Randazzo)? Sono due volumi, io li ho letti in questi giorni e mi sono piaciuti tantissimo... Non ricordo se abbiamo già un tavolo dedicato!


Ho letto il primo. Mi sono piaciuti lo stile e la prima metà circa della storia, poi alcuni aspetti della trama mi hanno un po' alienato. Ho avuto l'impressione che in certi punti l'autrice abbia forzato la trama per portarla nella direzione che desiderava :?


gio ha scritto:mmmm sto pensando a cosa potresti riferirti! Se ti ricordi ancora mi spieghi? chiedo se ti ricordi perché non tutti hanno una memoria prodigiosa come la mia :mrgreen: In effetti mi sembrava un genere di scrittura che poteva piacerti, ha una bella penna eh? intendo come stile...


Tremalnaik ha scritto:Buon giorno a tutti :!: Ho letto tutto della Randall e mi è piaciuta moltissimo la saga di Hyperversum, mentre anche per me la saga di Seija Millennio di fuoco mi ha lasciato più freddina ma non so specificare il perchè.


LordYanvas ha scritto:
gio ha scritto:mmmm sto pensando a cosa potresti riferirti! Se ti ricordi ancora mi spieghi? chiedo se ti ricordi perché non tutti hanno una memoria prodigiosa come la mia :mrgreen: In effetti mi sembrava un genere di scrittura che poteva piacerti, ha una bella penna eh? intendo come stile...


In effetti è sorprendente che mi ricordi anche solo il mio nome, viste tutte le botte in testa che mi avete dato :evil:
Sì, la "penna" è decisamente suadente e infatti leggerò altri libri dell'autrice.
Le due cose che non mi sono piaciute sono la stupidità dei condottieri umani, che da metà libro in poi, quando sembra delinearsi un barlume di speranza, spengono il cervello e vanificano tutto limitandosi a cariche suicide in bocca ai demoni, e la misteriosa attrazione fra i due (non faccio i nomi, chi ha letto coglie). Quando i personaggi hanno tutti i motivi per odiarsi e inspiegabilmente invece covano del piccipicci, mi viene sempre un po' di orticaria :roll:
Con tutta la buona volontà, dopo gozziliardi di anni di guerra, non è pensabile che gli umani non sappiano ancora come fronteggiare il nemico. Il caso storico più simile per durata del conflitto a venirmi in mente è la Guerra dei Cent'anni fra inglesi e francesi: nei primi anni, gli arcieri inglesi riuscirono spesso a rovesciare le sorti delle battaglie perché la cavalleria pesante francese si lanciava alla carica come nel libro, a testa bassa anche in condizioni sfavorevoli, ma poi persino quelle zucche vanagloriose capirono l'antifona e non ci furono più episodi così eclatanti fino ad Agincourt una sessantina di anni dopo, in quel caso soprattutto a causa del terreno paludoso (è la famosa battaglia di san Crispino dell'Enrico V di Shakespeare). Da Agincourt in poi, i francesi presero definitivamente le misure e la pacchia per gli arcieri finì. Possibile che la guerra del libro, andata avanti decenni se non secoli (non ricordo la durata esatta), invece non abbia insegnato nulla? Data la grande attenzione dell'autrice verso tattiche ed equipaggiamenti (anche la terminologia tecnica è quasi sempre impeccabile, mi pare di ricordare di aver notato una sola sbavatura), l'espediente suona un po' sbrigativo e avrei apprezzato maggiormente se fosse stato il genio tattico di Raivo a invertire l'inerzia del conflitto.


gio ha scritto:Ok ho capito. Ti sarebbe piaciuto il secondo libro, sai? Perché la situazione militare si sviluppa in modo imprevisto e soddisfacente!
L'attrazione tra i due io me la sono spiegata con il fatto che lei sia in un certo modo una reincarnazione dell'amata di tre secoli prima. Cioè da parte di lui, sicuramente ci sta, in pratica sono tre secoli che pensa e ripensa a lei e poi se la trovo davanti (esteriormente identica). Per quanto riguarda lei, l'autrice stessa la fa interrogare sulle ragioni dei suoi sentimenti: nascono dal fatto che lei condivide i ricordi dell'altra donna o sono in qualche modo suoi? Però, sì, potrebbe non essere convincente al 100%.


LordYanvas ha scritto:
gio ha scritto:Ok ho capito. Ti sarebbe piaciuto il secondo libro, sai? Perché la situazione militare si sviluppa in modo imprevisto e soddisfacente!


Meno male! Il primo a tratti ti fa venire voglia di decapitarli tutti per manifesta incapacità :lol:
Date le premesse, temevo che il secondo puntasse sul romance (con tutte le riserve esposte sotto) e avesse sempre meno guerra. Se invece rinsavisce almeno per quest'ultimo aspetto, allora alla prima occasione utile vedrò di comprarlo.

Per quanto riguarda lei, l'autrice stessa la fa interrogare sulle ragioni dei suoi sentimenti: nascono dal fatto che lei condivide i ricordi dell'altra donna o sono in qualche modo suoi? Però, sì, potrebbe non essere convincente al 100%.


La spiegazione in effetti ci sta, specie in un fantasy. Forse nel primo l'arco narrativo è introdotto in modo troppo plateale/diretto? Che lei sia attratta/turbata da un mostro che sta praticamente sterminando la sua razza è davvero difficile da accettare. Quando ti imbatti nelle sue prime riflessioni in merito, ti domandi se per caso si sia bevuta il cervello :shock:


gio ha scritto:
La spiegazione in effetti ci sta, specie in un fantasy. Forse nel primo l'arco narrativo è introdotto in modo troppo plateale/diretto? Che lei sia attratta/turbata da un mostro che sta praticamente sterminando la sua razza è davvero difficile da accettare. Quando ti imbatti nelle sue prime riflessioni in merito, ti domandi se per caso si sia bevuta il cervello


sì è vero sembra folle. In effetti credo fosse mossa dalla donna precedente che in parte è dentro di lei. Anche se questo aspetto non l'ho capito benissimo, perché comunque si specifica che non è la stessa donna, non è una reincarnazione, però condivide i suoi ricordi (oltre che il suo aspetto).
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6339
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: "Millennio di Fuoco" di Randall Cecilia

Messaggiodi Il Prenna » 16/03/2017, 21:57

Dopo aver fatto taglia e cuci dalle tovaglie dell'altro tavolo mi permetto di dire la mia...

La Randall con Hyperversum è stata una piacevole scoperta, con Gens Arcana mi ha raccontato una storia che mi ha stregato e con due duologia mi ha fatto scoprire un lato del suo talento più oscuro e tetro, ma non per questo meno bello.

Oltre al solito stile della Randall dico che mi è piaciuto molto la profondità dei due personaggi principali, a cui sono dedicati i titoli dei libri, specie la figura di Ravio, che nasconde molto dolore e molta sofferenza,ma anche molta determinazione.

Insomma se volete un romanzo ricco di coraggio e intrighi, questi due sono fatti per voi!!
In te c'è più di quanto tu non sappia, figlio dell'Occidente cortese. Coraggio e saggezza, in giusta misura mischiati. Se un maggior numero di noi stimasse cibo, allegria e canzoni al di sopra dei tesori d'oro, questo sarebbe un mondo più lieto.
Avatar utente
Il Prenna
 
Messaggi: 6339
Iscritto il: 10/08/2009, 10:48
Località: Saronno

Re: "Millennio di Fuoco" di Randall Cecilia

Messaggiodi niji » 17/03/2017, 13:27

Per me lei scrive molto bene! Devo dire che anche io non avevo molto apprezzato la storia d'amore, ma adesso e' passato troppo tempo perche' io possa commentare in maniera decente... infatti e' passato pure troppo tempo per poter leggere il secondo! Ops! :oops:
Stubbornness is a much maligned quality.
Avatar utente
niji
 
Messaggi: 3345
Iscritto il: 17/09/2009, 10:44
Località: Londra

Re: "Millennio di Fuoco" di Randall Cecilia

Messaggiodi Tremalnaik » 17/03/2017, 15:23

niji ha scritto:Per me lei scrive molto bene! Devo dire che anche io non avevo molto apprezzato la storia d'amore, ma adesso e' passato troppo tempo perche' io possa commentare in maniera decente... infatti e' passato pure troppo tempo per poter leggere il secondo! Ops! :oops:

Il rimedio è semplice: rileggere il primo :!: :lol:
Dio, concedimi la serenità di accettare le cose che non posso cambiare,
il coraggio di cambiare le cose che posso, e la saggezza per conoscere la differenza.
Tremalnaik
 
Messaggi: 9915
Iscritto il: 30/09/2009, 15:44
Località: Cagli (PU)

Re: "Millennio di Fuoco" di Randall Cecilia

Messaggiodi niji » 17/03/2017, 16:02

non esiste proprio!!! :? molti anni fa rileggevo, adesso proprio mi sembra insopportabile! con tutti i libri che ci sono da leggere!!
Stubbornness is a much maligned quality.
Avatar utente
niji
 
Messaggi: 3345
Iscritto il: 17/09/2009, 10:44
Località: Londra


Torna a Romanzi e Saghe Fantasy

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron