Autori maschi e femmine: fa differenza?

Leggere, rileggere, e leggere ancora. Come, quando, cosa e perchè...

Moderatore: nihal87

Autori maschi e femmine: fa differenza?

Messaggiodi gio » 08/11/2013, 10:38

Una riflessione sorta per caso al tavolo delle Sfide letterarie. Mi sono accorta che ultimamente leggo molti fantasy di autrici donne. E mi sono anche accorta che, sempre ultimamente, mi piacciono di più i romanzi scritti da donne. Sarà un caso o può essere un'affinità legata al genere? Un modo di rappresentare/raccontare sentimeni e fatti diverso da quello maschile che quindi risponde meglio al mio "sentire"?

E per gli uomini potrebbe accadere la stessa cosa? Miglior sintonia con autori dello stesso sesso?


Voi cosa ne pensate?
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23757
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: Autori maschi e femmine: fa differenza?

Messaggiodi gio » 08/11/2013, 10:47

Unica eccezione Patrick Routhfouss che resta uno dei miei preferiti in assoluto e che infatti mi ricorda molto lo stile di Robin Hobb.
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23757
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: Autori maschi e femmine: fa differenza?

Messaggiodi Elli » 08/11/2013, 12:06

Io penso di essere un po' al contrario... :P
Per quanto riguarda il fantastico, l'unica autrice donna con cui sento un'affinità assoluta è J.K. Rowling. Ovviamente apprezzo anche altre scrittrici, ma se penso agli autori che mi hanno regalato più emozioni in assoluto... sono quasi tutti maschi. :shock: Martin, Jordan, Stroud, Westerfeld, King, Simmons... :?
Forse per i lettori "maschietti" è un po' diverso... :P Raramente li ho visti prediligere autrici donne, se non in casi rari (la Rowling, per esempio, da questo punto di vista è trasversale... piace quasi a tutti :lol: ).
Ovviamente potrei anche sbagliarmi... :P Lord, B. Franck, Prens... voi che ci dite? :P
Se vogliamo generalizzare e magari fermarci un po' in superficie, è indubbio che le scrittrici donne si concentrino più sull'interiorità dei personaggi, e siano magari anche un po' più attente al lato "romantico" della storia. :lol: I maschietti invece (scrittori e lettori) prediligono l'azione (magari cruenta 8-) ), e non amano particolarmente le paranoie mentali e sentimentali dei personaggi. Questo, ovviamente, se si vuole fare di tutta l'erba un fascio. In realtà la linea di demarcazione non è così netta... :P
Avatar utente
Elli
 
Messaggi: 2706
Iscritto il: 02/06/2010, 19:55

Re: Autori maschi e femmine: fa differenza?

Messaggiodi gio » 08/11/2013, 14:37

Sarebbe interessante un punto di vista maschile!
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23757
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38

Re: Autori maschi e femmine: fa differenza?

Messaggiodi nihal87 » 08/11/2013, 14:58

il mio lo accettate comunque?! :lol:
.....

Avevo fatto un papiro infinito sulle donne. E poi mi sono accorta che il mio femminismo non era ciò che veniva richiesto in questo post :lol: in realtà non è nemmeno femminismo, ma è un estremo rispetto e allo stesso tempo rifiuto di ciò che hanno fatto e fanno le donne. Ma proseguiamo.
La maggior dei miei personaggi preferite sono donne. Due: Hermione Granger e Phedrè no Dealunay, sono state concepite da donne.
Forse è un segno :lol:
Comunque i miei scrittori preferiti sono sia donne che uomini, ma per i motivi più disparati.
Sicuramente mi vedo di più nei sentimenti delle donne che in quelli degli uomini. Mi commuove un uomo che lotta per i figli, ma mi strazia l'anima vedere una donna che con le unghie e con i denti lotta per la sua libertà e per quella dei suoi bambini.
Immagine
Avatar utente
nihal87
 
Messaggi: 6862
Iscritto il: 23/03/2010, 14:26
Località: Cesena, Emilia-Romagna

Re: Autori maschi e femmine: fa differenza?

Messaggiodi gio » 08/11/2013, 15:33

grazie Nihal, sì lo volevo il tuo parere! mi interessava anche il papiro sul femminismo! :-P
Avatar utente
gio
Amministratore
 
Messaggi: 23757
Iscritto il: 22/10/2008, 18:38


Torna a Leggo dunque sono

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron